Il sangue non è acqua ma anche

 

Certe volte mi perdo. Mi sono perso.
In mezzo a tutto questo parlarci addosso a testa in giù, appesi al filo della logica a testa in giù, mica camminarci sopra sforzandoci di restare in equilibrio, che non è facile, costa fatica e anche sacrifici, quelli di certe zavorre ideologiche che ci appesantiscono.
Ma no, ci si rigira e si sta appesi al filo della logica alla rovescia. E ci si inventa una realtà rovesciata e si discute e ci si azzuffa sul rovescio invece che sul dritto.
Sicuramente è più facile: si cede alla gravità delle nostre ubbie e ci si dondola e gongola.

Dico per esempio: il problema della gestione dell’acqua. Uno dice: è una risorsa fondamentale per la vita e non si può privatizzare. L’altro dice: ma resta comunque un bene pubblico, si tratta di privatizzare la gestione. Il primo dice: ma se è un bene pubblico, perché deve gestirlo un privato? Il secondo risponde: perché gli amministratori pubblici lo hanno sempre gestito male.
E qui ci si arena. Qui cominciano i giri di parole.
Adesso io provo a riarrampicarmi sul filo e a camminarci sopra invece di dondolarci sotto.

La mia rozza logica mi ricorda che la democrazia rappresentativa si basa su un principio: tu eleggi i tuoi amministratori e se non amministrano bene, la prossima volta non li eleggi più e ne eleggi altri. Di conseguenza, se l’acquedotto è mal governato, la prossima volta voto per l’opposizione e lo faccio governare da altri funzionari pubblici. In questo modo, alla fine, a gestire il bene pubblico è il pubblico, il contribuente.

Un corollario al concetto di democrazia rappresentativa: ma se serve solo perché i rappresentanti del popolo degli elettori cedano in gestione tutto quanto a dei privati, cosa rappresentano questi rappresentanti da noi eletti?
Rappresentano gli elettori o rappresentano i privati?
Su questo la mia logica rozza prega con il cuore di vivo partecipante alle res publica di riflettere almeno un minuto. Non riesco a credere che persone di buonsenso perdano così facilmente la bussola tra i fornelli e il lavoro ad interim e il bambino che piange. Non rassegnate a mani incontrollate il vostro destino. Impadronitevene e usatelo, ma siate sempre voi a comandarlo.

Se viceversa il gestore è privato, il contribuente non è più un contribuente, è un utente e basta. E se l’acquedotto è gestito male, come faccio a liberarmi del gestore?

Conclusione del mio rozzo pensiero: se l’amministrazione locale gestisce male l’acquedotto si cambia amministrazione locale, non si vende la gestione. L’acqua non è risorsa su cui lucrare, ma una necessità ineluttabile degli esseri viventi da gestire e distribuire.

Ho sentito persino un’inetta come i tanti di questa classe dirigente, delirare sull’acqua delle piscine private e sui vecchi pensionati nel loro monolocale che pagano anche per l’acqua di quelle piscine. Sarà vero, non sarà vero, ma cosa c’entra con il dare l’acqua in gestione a un privato?

L’elettricità si paga a fasce di consumo, no? E’ così difficile far pagare il quadruplo l’acqua di una piscina privata? Basandosi sul consumo medio di una famiglia di tot membri, si calcola che il consumo supplementare per giardini e piscine costa 4 volte tanto.
Non c’è bisogno di un gestore privato per arrivarci.
Ma io sono rozzo.

Ho giocato a tennis per vent’anni al Saini di Milano e per molti anni ho goduto di un servizio comunale ineccepibile: campi tenuti, reti senza buche, spogliatoi puliti, docce linde e con l’acqua calda in una palazzina a ridosso dei campi. Ma al comune costa molto.
Per forza, santa pace, riecco la mia rozza logica. Io pagavo seimila lire per giocare un’ora quando a New York pagavano 20 dollari! Se avessi dovuto pagare 12000 lire non sarei forse andato a giocare?
C’è forse qualcuno qui in Grecia che va in giro in macchina a 80 all’ora come me, visto che la benzina qui costa 1.75 al litro? Ma figurati, tutti a manetta. Perché è così che funziona il mondo.
Poi introduci tariffe speciali per fasce d’età e così via, no?

Il comune di allora era socialista e certi suoi massimi esponenti furono trovati con le mani nel sacco e l’amministrazione passò nelle mani di… liberisti in gamba. E naturalmente il Saini fu dato in gestione privata.
Non ricordo più se continuai a pagare seimila lire, ma non è questo il punto.
Il punto è che la palazzina fu chiusa. Niente più spogliatoio, niente docce né calde né fredde. Ci si andava a cambiare in una palazzina a duecento metri dal campo, quella delle scuole, anche un 45enne come me, in mezzo ai ragazzini.
Le reti avevano i buchi, il campo aveva le crepe e ci crescevano le erbacce, se giocavi di sera, qualche lampada era accesa e qualche altra no, con zone d’ombra sul campo di gioco.
Per non dire del ristoro, dove, questo invece lo ricordo, tutti i prezzi raddoppiarono.

Ora, dico, la mia rozza logica mi impone un’inquietudine: Quando la gestione dell’acquedotto sarà privatizzata, a prescindere da quanto costerà in più o in meno, che acqua uscirà dai miei rubinetti? Quella che arriva dagli scarichi delle docce del Saini? Che costa sicuramente meno di quella delle sorgenti delle prealpi? E conoscendo bene il mio paese, il mio vicino di casa con la piscina, che è vicesindaco, pagherà l’acqua della piscina di più, perché è un dippiù, o non la pagherà affatto perché due volte la settimana cena con il nuovo gestore “privato” dell’acquedotto che, guarda caso è suo cugino di terzo grado?

Alla fine, prima di rovesciarmi di nuovo dal filo logico su cui ho cercato di camminare per un’oretta (non perché mi piaccia stare sotto, ma solo perché è sotto che ascolto le discussioni, sopra ci sono solo io come un povero gruccione su un cavo del telefono in attesa che maturi finalmente un fico di intelligenza da cui attingere beccando), perché in questa Italia così infingarda è così difficile eleggere qualcuno e aspettarsi che questo qualcuno si senta “responsabile” del mandato ricevuto e si sforzi, sull’onda dell’ottimo stipendio che gli paghiamo, di fare del suo meglio per noi invece di fare il meglio di parenti e amici?

Ma se io sono rimasto un vecchio sessantottino figlio dei fiori e sognatore e cittadino del mondo, so d’essere fuori del tempo. Non me ne dispiaccio poi molto. Questo tempo è un brutto tempo.

Annunci
  1. #1 di Maria Pia il giugno 9, 2011 - 7:24 pm

    La tua generazione, ha scritto un ragazzo classe ’47, ha avuto un’occasione per cambiare il mondo e ha scelto, invece, il supermercato on line;
    un altro tuo coetaneo, prima di trasferirsi nell’amena Rock and Roll Paradise 😉 cantava emblematicamente “is this the world we created?”…

  2. #2 di tiddi il giugno 10, 2011 - 7:25 am

    ben detto, sai? Detto bene almeno a mio avviso. E’ il succo di quello che ho sempre pensato e denunciato. Sebbene il meccanismo che provocò lo scivolone sia abbastanza complesso ed è quello che vado lentamente elaborando in Il Morto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: