Archivio per luglio 2013

Mitera mas, ti paidià ékanes!

Image

Vengo in Grecia da tanti anni da poter dire che ci ho passato mezza vita. Ci venivo in vacanza, è vero,  ma da molti anni vi trascorro sei mesi. Sono un cittadino italiano diventato un paesano greco. Poiché ho costruito qui una casa, pago ora salatissime tasse greche. Pago anche tasse illegali, ma così modeste che le pago volentieri e se me le impongono è perché la burocrazia fiscale greca non conosce neppure gli accordi internazionali e le leggi europee. Perché  la Grecia è così. Un paese di pasticcioni che credono ancora di risolvere tutto al kafenion.
Trent’anni fa ho conosciuto una persona adorabile, lui e la sua famiglia. Si chiama Micios (l’ho scritto come lo pronunceremmo noi), che è un diminutivo di Takis Dimitris ed è anche un gioco per i greci (“sai come fanno gli italiani per chiamare un gatto? Dicono: micio micio… e invece del gatto arriva Takis Dimitris!”)
Micios era un imprenditore. Topografo e contitolare in una ditta di costruzioni specializzata in strade e porti. Prendeva appalti. Micios era iscritto al Pasok, ma non esercitava, aveva la tessera, da ragazzo era stato un fan del Papandreu padre, o nonno, non so come definirlo, diciamo il capostipite. Ma Micios lavorava per le amministrazioni locali, province e comuni. Solo che se cambiava il governo da socialista e popolare, da Pasok a Nea Demokratia, lui e la sua azienda non lavoravano più. Dovevano aspettare e sperare che cambiasse il governo. Dopo anni iniziali abbastanza stabili, i governi greci cominciarono ad avvicendarsi più velocemente e Micios cominciò a trovarsi con i macchinari costosissimi con cui avviava i lavori (non parliamo solo di bulldozer o escavatrici, ma pensiamo alle gru su cingoli che servono per allestire i frangiflutti, abbandonati d’inverno nella salsedine in riva al mare) fermi per mesi o anni appena al Pasok si sostituiva Nea Demokratia. Detto in parole poverissime, potrei dire italiche, Micios lavorava solo se c’era al governo il partito di cui era simpatizzante. Non perché faceva belle strade e porti sicuri, questo aspetto era del tutto secondario. Suonano i campanelli?
La moglie di Micios, Pighì, era pretore, che se a qualcuno sfugge, è dipendente pubblico. Avevano due figli piccoli, una bimba e un maschietto.

Passano gli anni, le macchine movimento terra e le gru che servono per costruire porti arrugginiscono sui moli perché le amministrazioni di destra non pagano i lavori di una appaltatrice il cui titolare è iscritto al Pasok. E la ditta fallisce.
Micios è greco, non idiota. E’ anche onesto. La sua ditta non fallisce ufficialmente (fa come me, la chiude saldando i debiti che c’erano con i propri risparmi, ma sempre fallimento è). Poi aspetta il primo avvicendamento politico favorevole e rapidamente s’infila nel comune di Salonicco. Diventa dipendente pubblico.
E in famiglia siamo due.
Quando il governo passa di nuovo alla destra, ormai Micios è a posto, licenziare un dipendente dirigente del comune non si può. Intanto la figlia maggiore si è laureata in legge, ha esercitato per due anni come avvocato e sostiene esami per entrare in magistratura. Con una madre magistrato? Possibile che non ci riesca? Viene bocciata una volta, ma poi… ci riesce. Campanelli? Che poi sia un’ottimo pretore – ho avuto modo di constatarlo, ci vuole la testa per quel mestiere, non il codice, e lei è tutta testa – non è rilevante in questo contesto.
E in famiglia siamo in tre su quattro. Dipendenti pubblici.
Il figlio più giovane si affaccia al mondo del lavoro quando ormai è esplosa la crisi. Ha studiato da ingegnere edile quando sembrava che qui dovessero costruire dappertutto. E meno male che non è così. Ma adesso, neosposo di una deliziosa architetto dotata di uno humour così britannico da farti sospettare che sua madre abbia fatto un viaggetto turistico in Inghilterra senza il marito, sono in due a tirare la cinghia e sperare che si riprenda al più presto a costruire case. Fosse arrivato quattro o cinque anni prima, adesso il figlio maschio sarebbe uno strutturista del comune e in famiglia saremmo a quattro su cinque e magari, tirando dentro la mogliettina, anche… en plein, cinque su cinque.

Non ho qualifiche con cui giudicare questa famiglia in questo luogo falsamente virtuale dove giudicare è un esercizio quotidiano di una moltitudine che invece di giudicare se stessa spende ore a censurare il prossimo. Voglio bene a questa famiglia perché sono persone oneste e loro sì che sono persone qualificate, nell’amministrazione pubblica hanno contribuito ad arricchire la Grecia, loro lavorano con impegno e sanno quello che fanno. Micios ha smesso, per la verità, ha cercato di sottrarsi alla mannaia in tempo, visto che era in età di pensione. Ci è riuscito solo a metà, economicamente parlando, la mannaia gli ha dimezzato le disponibilità della vecchiaia. Pighì si è ritrovata a non poter andare in pensione quando era previsto dal suo contratto con lo Stato. Dunque lavora ancora, ma è in salute, i figli sono grandi, come tutte le donne del Sud Europa ha fatto due lavori per tutta la vita, anzi tre, pretore e madre e moglie, ma siccome non ha l’osteoporosi o lo zio Alz o che so io, le è andata bene.

Per chi non aveva un’attività che permettesse di evadere le tasse e arricchirsi a spese della comunità di contadini e operai e minatori c’erano corridoi o sentieri o scorciatoie. Erano i varchi aperti dalla clientela e dal voto di scambio, attraverso cui diventare dipendente pubblico. Ci sono stati dalla fine della guerra in poi. Ne hanno approfittato tutti, dico tutti quelli che non potevano evadere e vivere bene per conto proprio, come i bottegai e i professionisti e gli autonomi. Ne ha approfittato, secondo me giustamente, la famiglia di Micios, cheha portato dentro l’amministrazione pubblica persone preparate e competenti. Ma non è stato così per tutti, anzi. Troppi di coloro che in Grecia hanno utilizzato queste vie traverse furono assunti perché garantissero un voto al partito di turno e collocati in posti inutili o inadatti

Io vorrei che molte persone che inorridiscono per il doloroso disastro greco, inorridiscano per il nostro clientelismo così simile al loro. Questo paese, la Grecia, non è stata messa in ginocchio dalla Merkel. L’hanno messa in ginocchio i greci, evadendo sistematicamente le tasse sotto governi di destra e sinistra che sistematicamente si sono fatti corrompere, anche dalle multinazionali, anche da note megaindustrie tedesche. L’hanno messa in ginocchio le migliaia di greci che si sono venduti ai due partiti in cambio di un posto qualsiasi nell’amministrazione pubblica a qualsiasi livello, così oggi questo povero paese sembra che abbia più dipendenti pubblici che cittadini a cui prestare servizi pubblici. Prendersela con le politiche della UE sarà anche giusto, meritano critiche severe, ma si corre il rischio di dimenticarsi chequesto paese che amo tanto è precipitato in questo gorgo di recessione perché ce lo hanno spinto i greci.

Io e Micios ci siamo parlati come fanno amici di tanti decenni – certo, lui dissertando in greco come un aliante nel grecale e io a corrergli dietro come un bambino analfabeta inciampando dietro un aquilone – e gli ho detto: voi greci siete più fortunati di noi perché voi avete  toccato il fondo e a questo punto potete solo ripulire tutto e venirne fuori bene, mentre noi siamo precipitati solo a metà e siamo impigliati nella melassa delle larghe fraintese. E Micios mi ha risposto: Hai ragione a dire che ripartire da zero servirebbe a fare pulizia, ma sbagli a pensare che abbiamo toccato il fondo, perché siamo rimasti a metà pure noi. Forse sarebbe stato meglio fare bancarotta, non per noi ma per i nostri figli e nipoti.
Zitto, io.
Ci siamo fatti uno tsipurino.
Una faccia una razza…
Si è alzata la brezza da terra, quella del tramonto, che rovescia il giorno con la notte.
Scolato il primo, via il prossimo.
Domani cambia il vento e il mondo va avanti.

Asclepiade direbbe forse:
apriti celeste volta, dacci lacrime chiare
con cui allungare questo vino,
che ci salvi dall’abisso
degli occhi neri di colei che mesce
mosto cantante di inviti
che noi vecchi dobbiamo declinare
e come noi annacquare
nei ricordi del tempo che fu
e fu tempo buono.

4 commenti