bye bye miss Great Britain pie, this is the day the music died

Mi scrive l’amico Alessandro:

9 dicembre
Il giorno più brutto dell’anno.
Mi svegliavo sempre con la radio…era il 1980 e le radio libere erano l’inganno di quella generazione di teenager. Ogni generazione di teenager viene presa per il culo da qualcuno. Soprattutto se sei nato col cuore a sinistra. Dal ’68 alle primarie del PD, il tuo culo se lo prenderanno. E’ ineluttabile. Idealismo e ingenuità sono un’accoppiata fantastica per i cacciatori di culi. Io poi sono mancino, sinistro e trinariciuto, che speranze avevo di sottrarmi alla sodomia, metaforica ma altrettanto dolorosa? Nessuna. A noi , dunque, toccarono le radio “libere”. Oh, Ci spendemmo un sacco. Manifestazioni e petizioni di ogni sorta e qualità a favore della libertà dell’etere. I Dee Jay come rockstar e noi, i veri amanti della musica, della controcultura; romantici antagonisti del monopolio RAI. Poveretti… avremmo solo contribuito a sdoganare gentaglia ammanicata coi peggio figuri dell’industria discografica, quelli che per lo meno la RAI (la RAI di allora) un pochetto arginava. Raccomandazioni, clientelismo, lecchinaggio servile, appartenenza a cupole… sarebbero diventati indispensabili per far passare i propri pezzi in radio. La “caccofonia” che riempie le nostre orecchie ogni giorno, ne è la prova e in quanto alla mia generazione… il nostro contrappasso è passare la notte a cercare programmazioni decenti, proprio sulle frequenze RAI. Talvolta, alle quattro del mattino, qualcosa si trova. Ma nel 1980 si poteva ancora credere a Babbo Natale e che il Punk non fosse solo una speculazione commerciale e che i Beatles sarebbero tornati insieme, a riprendersi lo scettro. Perchè, Signori, è bello discuterne, confrontarsi e tutto quello che si vuole…ma lo scettro, finchè c’è stato uno scettro e non un dildo, è appartenuto ai Beatles. Fino alla mattina del 9 dicembre 1980. Quel mattino le mie radio preferite, non le nomino…me ne vergogno e in genere ai mafiosi non piace sentirsi dare del “mafioso”, erano tutte uno “Startin’ Over” e “Woman” e “Stand by me” e “Happy Xmas”. Ero in ritardo, Liceo Berchet, prima ora Inglese… Professoressa DeMolli, un personaggino che ve lo raccomando… lei posso nominarla…è lei che deve vergognarsi per quanto male lavorò. Registrai l’anomalia ma, boh, era uscito l’album – Double Fantasy – da pochi giorni… ci stava. O forse no, ma non problematizzai. Ero contento che John Lennon fosse tornato; tanto contento…immensamente contento. John era quasi tutto per il me sedicenne. Mi sembrava assolutamente logico che avendo i disc-jockey tra le mani e sui piatti un nuovo suo album, dopo cinque anni di silenzio… non ci fosse contest con nessuno. Io avevo comprato il disco (amato vinile) in un negozio di Porta Romana…”Lo Stregatto”. Oh, come mi piaceva quel negozio. Adesso al suo posto c’è una Banca. Beh, al posto di quasi ogni negozio di Porta Romana adesso c’è una cazzo di Banca. Se sai cercarli, i segni li trovi. La Banca è “intorno a te”, no? Fisicamente! Vuole il tuo bene… e ogni tuo bene. Passato, presente e futuro. Insomma usciì di casa ancora ignaro e ignavo. In Via Lamarmora passava il tram 23. E quasi mi passò sopra. Perchè Monica – storica compagna di ascolti – che era invece appena scesa dall’adiacente rotaiame del 24, stava correndo verso di me, strillando aquilesca il mio nome. E giunta a un inciampo dalla mia faccia attonita e sorpresa, appunto inciampò, urtandomi e spingendomi a un millimetro dal tram in transito. Un millimetro più in là e sarei stato forse il primo a poter correre da John a dirgli che Mark David Chapman è probabilmente la più grande testa di merda ever. Ho già detto che ero ingenuo, no? Adesso lo sono ancora ma se non altro so che quel povero merdiglio, pur oggettivamente ben piazzato, non era nella top ten delle teste di merda. Monica piangeva e urlava. Lei era una ragazza, quindi poteva permettersi di essere innamorata di John… io ero limitato dalla mia eterosessualità. Eh, si…allora c’era ancora qualche eterosessuale. Con orrore crescente il mio traduttore automatico si mise al lavoro e tra ululati, singhiozzi e gemiti, riuscì a selezionare tre parole: “Hanno ucciso John”. Nella notte, Chapman, un delinquente mentecatto, aveva privato il mondo di John Lennon e un bambino di 5 anni del suo papà. Perchè? Perchè nella sua testa mentecatta aveva deciso che doveva punirlo per l’arroganza di quella vecchia frase sui Beatles e Cristo. Negli anni successivi lessi tutto il leggibile sul mentecatto. Le sue frasi mentecatte raccontavano delle vocine che sentiva. Si sa, in genere gli psicopatici sostengono di aver “dovuto” obbedire alle vocine assassine. Beh, non in questo caso. In questo caso pare che perfino le vocine ripetessero al Mentecatto di non sparare. “Non farlo! John è tuo amico!”. Ma il mentecatto non ascoltò le vocine e sparò. E il mondo si inclinò. Il mio quanto meno. E non si sarebbe più raddrizzato. E io da allora corro, cammino, scivolo, cado in salita, contromano… sempre in ritardo, sempre fuori sintonia. Perchè non ero pronto a perdere dio, l’amore, la guida e il mio migliore amico in un solo istante. Elaborai male quel lutto e diventai una brutta persona. Lo sono ancora. Anche se talvolta scrivo parole decenti. Sono solo parole. Sappiatelo. Ci misi diversi giorni, in realtà, a realizzare l’enormità di quell’evento. Per qualche giorno non parlai con nessuno. Se non ne parlavo con nessuno magari era come se non fosse successo. La catarsi avvenne la domenica successiva. Yoko Ono aveva chiesto dieci minuti di raccoglimento alle 15.00, ora di New York. E con buona pace dei fusi orari, il mondo partecipò. Perchè potevamo essere divisi su mille cose…ma tutti volevamo bene a John. La RAI si collegò in diretta con Central Park durante quei dieci minuti. Migliaia, decine di migliaia di persone erano lì. La telecamera si muoveva lenta e solenne, indagando volti increduli, sbigottiti, assenti. Occhi rossi, occhi chiusi, occhi sbarrati. La tristezza era diventata un’entità materiale, palpabile. Se tutte quelle persone erano lì…ahia, allora doveva essere successo davvero. Allora davvero qualcuno aveva assassinato l’uomo che nel 1966, durante la prima trasmissione TV in mondovisione della storia, davanti a un pubblico di un miliardo di persone a cui aveva il potere di dire tutto quello che voleva…scelse di dire “All you need is Love”. Poi, esattamente allo scadere dei dieci minuti, gli altoparlanti iniziarono a trasmettere le note pianistiche di Imagine e milioni di persone più un cavolo di ragazzino grasso milanese scoppiarono a piangere all’unisono. E poi si abbracciarono. Cos’altro possono fare i sopravvissuti? Il ragazzino grasso abbracciò il suo cane Brill. I cani sono il meglio che c’è al mondo, in questi casi. Ma il nove di dicembre (e non l’otto. Qui e nel paese di John, era già il nove) è il giorno peggiore dell’anno. Di ogni anno. Da 34 anni. Give Peace a Chance!

Annunci

  1. #1 di pirulix il dicembre 11, 2014 - 8:30 am

    Che cose interessanti ti scrivono *.*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: